"Guida in sicurezza: il corso dei vigili di Milano" di Pierluigi Villa



Articolo scritto il 17 luglio 2022 su Corriere della Sera - Heavy Rider


Guida in sicurezza: il corso dei vigili di Milano. Dai Motofalchi niente multe e tanti consigli

Corriere della Sera del 17 LUGLIO 2022 di Pierluigi Villa

Consegna degli attestati. Da sinistra gli istruttori: Alberto, Floriana e Michele
Consegna degli attestati. Da sinistra gli istruttori: Alberto, Floriana e Michele

 

Ti va di accompagnarmi ad un corso di guida sicura?”. Non ci ho messo molto a dire di si, è un’esperienza che mi ha sempre incuriosito, ma come per molti, immagino, è sempre stata accantonata, forse per la convinzione che basta fare tanti chilometri per imparare a guidare in modo sicuro la propria moto.

C’è una parte di verità in queste parole, ma è anche vero che in questo modo gli errori si sedimentano, diventando difficili da correggere.
Quindi, un po’ per curiosità, ma un po’ anche per “imparare” qualcosa di nuovo, mi sono ritrovato nel piazzale dell’autodromo di Castelletto di Branduzzo, in Oltrepò pavese, vestito di tutto punto (requisito fondamentale per partecipare) ad ascoltare un rappresentante della Polizia Locale di Milano che ci spiegava la teoria di alcune manovre che avremmo fatto nella mattinata.

Alberto (presidente dei Motofalchi spiega agli allievi la corretta postura sulla moto

Si avete capito bene, infatti il corso è stato organizzato dal motoclub “Motofalchi di Milano”, i cui membri sono prevalentemente rappresentanti delle forze dell’ordine. Certo fa uno strano effetto sentire chi da sempre viene identificato come lo spauracchio di ogni motociclista parlare come uno di noi, capire che la passione è comune e che non sempre il loro primo obiettivo è castigare indistintamente.

Tornando al corso, finita la parte teorica, decisamente interessante e “illuminante” per qualche aspetto, dopo una breve introduzione alla posizione in sella ed ai vari movimenti da fare durante la guida, inizia la parte di pratica.
Veniamo divisi in piccoli gruppi 4/5 allievi con due istruttori per gruppo, che iniziano a farci fare diversi esercizi, spiegando la dinamica della moto e come questa determini il comportamento della stessa.

Marco, uno dei “tutor” mentre aiuta una allieva a fare l’esercizio in modo corretto

Ci alterniamo tra slalom, con birilli più o meno distanziati, tracciati a 8 in cui è fondamentale imparare ad usare il freno posteriore e indirizzare lo sguardo in modo corretto. Nonostante il caldo torrido, mi dico che ho fatto bene a partecipare, ho una nuova moto da pochi mesi e queste prove mi aiutano a capirla di più, con esercizi che probabilmente non avrei mai fatto da solo in un parcheggio, in più, un occhio esterno mi aiuta a correggere eventuali errori.

Moto sotto il gazebo per una pausa tra un esercizio e l'altro

Terminata la prima parte, durante la pausa, dopo che finalmente sono riuscito a bere un po’ d’acqua, mi guardo intorno e guardo i miei compagni di corso. Il gruppo è davvero eterogeneo, c’è chi ha la patente da molti anni e vuole migliorarsi, chi ha solo il foglio rosa ma ritiene importante iniziare con il piede giusto, poi ci sono ragazze e ragazzi non ancora maggiorenni accompagnati dai genitori, tutti però impegnati e divertiti che chiacchierando tra loro si trasmettono le sensazioni provate durante i primi esercizi, incoraggiandosi a vicenda. I sorrisi in questa sorta di paddock sono contagiosi.

Il momento più atteso: iIstruttori e allievi insieme sul circuito di Castelletto di Branduzzo (PV)

Ma il corso non si limita a ripetizioni sul piazzale, verso mezzogiorno arriva una chicca che fa gola a molti di noi: un’ora intera sul circuito di Castelletto, riservata ai partecipati del corso. Le indicazioni sono chiare: non è e non deve essere una gara, ma semplicemente un modo per testare in una sorta di “strada chiusa” le nozioni imparate poco prima. Certo, non è facile trattenersi, tant’è che i più esperti hanno avuto modo di fare qualche giro dietro l’istruttore ad un ritmo un po’ più pistaiolo.

Tra adrenalina e stanchezza fisica è una delle esperienze che mi ricorderò per anni: bellissima la sensazione di essere in “sicurezza”, che ha aggiunto una consapevolezza maggiore di ciò che stavo facendo. Per chi invece era ai primi km, questi 60 minuti hanno davvero avuto un significato importante, gli hanno dato la possibilità di imparare, sperimentando e mettendo in pratica i concetti che gli erano stati spiegati in precedenza.

Da sinistra: gli istruttori Marco e Mirko durante un momento di pausa

Tutti sono stati aiutati dagli istruttori che, seguendoli in pista, li hanno portati ad eseguire quei movimenti necessari che fanno la differenza tra andare in moto e guidare una moto. Non mi dilungherò sul resto della giornata perché se volete c’è un sito in cui ci sono tutte le informazioni necessarie, però vorrei sottolineare che, come in tutte le cose, la qualità umana fa la differenza e qui, onestamente si è percepita una tale passione in quello che si stava facendo che ha reso l’esperienza davvero preziosa.

Non ci sono stati allievi di serie A o allievi di serie B, anzi, ha avuto molte più attenzioni chi era più in difficoltà, come è giusto che sia, e quando personalmente ho ringraziato l’istruttore per quanto ha fatto, mi ha sorriso e mi ha risposto nel modo più semplice ma secondo me non così scontato “…siamo qui per questo…”, anche perché tutto viene fatto in forma di “volontariato”.

Concludo citando il vecchio “adagio” di Nico Cereghini che è diventato quasi un mantra per i motociclisti: “casco in testa ben allacciato, luci accese anche di giorno e prudenza… sempre!”, ma quando si passa da una “prudenza intimorita” a una “prudenza consapevole” c’è più gusto.

 

Per visualizzare l’articolo originale vai su https://heavyrider.corriere.it/2022/07/17/guida-in-sicurezza-il-corso-dei-vigili-di-milano-dai-motofalchi-niente-multe-e-tanti-consigli/

Official Sponsor

I nostri Collaboratori

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Accetto
  1. Note legali
    Il MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano è l’Associazione Sportiva Dilettantistica che gestisce e aggiorna, senza garanzia di continuità e periodicità, i contenuti del sito MOTOFALCHIMILANO.IT che è di proprietà dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, con sede legale in Via Vitruvio, 9 – 20141 - MILANO – Codice Fiscale 97512220159 - Rappresentante legale: Alberto Giacomo Paolo Navone (Presidente).
  2. Copyright
    I contenuti pubblicati sul sito di proprietà dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, dove non diversamente ed esplicitamente indicato, sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge n. 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni e non possono essere replicati su altri siti web, mailing list, newsletter, riviste cartacee e cd rom o altri supporti non indicati, senza la preventiva autorizzazione dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, qualsiasi sia la finalità di utilizzo.
    L'autorizzazione va chiesta per iscritto e s’intende accettata soltanto dopo un esplicito assenso scritto del legale rappresentante. L'eventuale mancanza di risposta non va in nessun caso interpretata come tacita autorizzazione. La riproduzione, il noleggio, il prestito e la diffusione senza l'autorizzazione dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano è vietata. Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dagli art. 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della legge n. 633/1941.
  3. Esclusione totale dal divieto di riproduzione dei contenuti
    La riproduzione, su qualsiasi supporto, dei materiali pubblicati su MOTOFALCHIMILANO.IT è autorizzata per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali.
    I docenti e gli istruttori di corsi di guida sicura organizzati nelle strutture attrezzate (autodromi, motodromi, piazzali ecc.) pubbliche e/o private, sono autorizzati a riprodurre e distribuire gratuitamente il materiale presente su MOTOFALCHIMILANO.IT. La distribuzione deve essere gratuita e riportare chiaramente in ogni documento la chiara e ben visibile indicazione: "Materiale concesso da MOTOFALCHIMILANO.IT ".
  4. Responsabilità dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano non è responsabile per danni causati, direttamente o indirettamente, dall'utilizzo degli script, dei file scaricati e di ogni altra informazioni presente sul proprio sito Internet. In nessun caso dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano e le associazioni o società ad essa affiliate possono essere tenute responsabili in via contrattuale o extracontrattuale, per danni (compresi danni indiretti o non quantificati) derivanti da impossibilità di utilizzo, perdita di dati o profitti in qualsiasi modo derivanti o connessi all'utilizzo del presente sito.
    Le modifiche dei dati pubblicati nel sito possono avvenire in ritardo rispetto alle modifiche effettivamente apportate ai contenuti o ai dati che si riferiscono agli stessi.
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano può in qualsiasi momento apportare modifiche alle presenti condizioni e termini di accesso, così come a tutte le altre parti del sito, senza necessità di preavviso.
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano non è responsabile del contenuto di siti collegati al proprio sito internet né di eventuali problemi derivanti dal collegamento indiretto mediante link.
    Tutti i marchi citati e i loghi riprodotti sul sito MOTOFALCHIMILANO.IT appartengono ai legittimi proprietari. Detti marchi sono citati a scopo informativo e/o didattico.
  5. Privacy Policy
    La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le regole di gestione del sito MOTOFALCHIMILANO.IT di proprietà dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.
    MOTOFALCHIMILANO.IT tratta tutti i dati personali degli utenti/visitatori dei servizi offerti, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla normativa nazionale italiana in materia di privacy e, in particolare del D. Lgs. 196/2003.
    Ove l'accesso a particolari servizi sia subordinato alla registrazione previa comunicazione di dati personali, viene fornita un'informativa specifica al momento della sottoscrizione dei servizi stessi.
    L'acquisizione dei dati, che possono essere richiesti, è il presupposto indispensabile per accedere ai servizi offerti sul sito MOTOFALCHIMILANO.IT
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, conserva i dati tecnici relativi alle connessioni (log) per consentire i controlli di sicurezza richiesti dalla Legge e al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e personalizzarli in relazione alle esigenze degli utenti/visitatori.
    I dati inseriti possono essere utilizzati dall’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano anche al fine di inviare periodicamente messaggi di posta elettronica contenenti materiale promozionale, iniziative promozionali, comunicazioni commerciali.
    I dati personali, raccolti e conservati in banche dati del sito MOTOFALCHIMILANO.IT, sono trattati da dipendenti e/o collaboratori del titolare del trattamento in qualità di incaricati. Non sono oggetto di diffusione o comunicazione a terzi, se non nei casi previsti dalla informativa e/o dalla Legge e, comunque, con le modalità da questa consentite.
    I dati riguardanti i partecipanti ai corsi di guida sicura, sono conservati dall’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano. Le fotografie e quant’altro inerente all’avvenimento, permangono sul sito Internet per un tempo indeterminato, oltre a essere comunicati a organi di stampa, enti, associazioni interessate.
    Il trattamento dei dati avviene mediante l’utilizzo sia di supporti cartacei sia con l’ausilio di mezzi informatici.
    L'invio da parte degli utenti/visitatori di propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, comporta l'acquisizione da parte di MOTOFALCHIMILANO.IT dell'indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali, tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio, e verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui sia necessario per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori stessi.
    Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.
    Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, non può farsi carico della responsabilità di qualsiasi accesso non autorizzato né dello smarrimento delle informazioni personali al di fuori del proprio controllo.
    Il titolare del trattamento dei dati dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano è con sede legale in Via Vitruvio, 9 – 20141 - MILANO - Rappresentante legale: Alberto Giacomo Paolo Navone  (Presidente), che potrà utilizzarli per tutte le finalità individuate nell'informativa specifica fornita in occasione della sottoscrizione dei vari servizi.
    Gli utenti/visitatori hanno facoltà di esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D. Lgs. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti.
  6. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti
    1) L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
    2) L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
    a) dell'origine dei dati personali;
    b) delle finalità e modalità del trattamento;
    c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
    d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
    e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
    3) L'interessato ha diritto di ottenere:
    a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
    b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
    4) L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
    a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
    b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale
  7. Gestione dei cookie nel browser
    Alcune persone preferiscono non abilitare i cookie e per questo motivo quasi tutti i browser offrono la possibilità di gestirli in modo da rispettare le preferenze degli utenti. In alcuni browser è possibile impostare regole per gestire i cookie sito per sito, opzione che offre un controllo più preciso sulla propria privacy. Ciò significa che è possibile disabilitare i cookie di tutti i siti, ad eccezione di quelli di cui ci si fida.
    Nel menu di tutti browser esiste l'opzione Cancella dati di navigazione. E' possibile utilizzare questa opzione per eliminare i cookie e altri dati di siti e plug-in, inclusi i dati memorizzati sul proprio dispositivo da Adobe Flash Player (comunemente noti come cookie Flash).
    Un'altra funzione di alcuni browser è la modalità di navigazione in incognito. E' possibile navigare in modalità in incognito quando non si vuole che le proprie visite ai siti web o i propri download vengano registrati nelle cronologie di navigazione e dei download. Tutti i cookie creati in modalità di navigazione in incognito vengono eliminati dopo la chiusura di tutte le finestre di navigazione in incognito.

Per l’esercizio dei propri diritti è possibile rivolgersi al sig. Alberto Giacomo Paolo Navone  (Presidente dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano), reperibile come segue:
- indirizzo di posta elettronica: presidente@motofalchimilano.it
- indirizzo postale del titolare del trattamento: A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, con sede legale in Via Vitruvio, 9 – 20141 – MILANO

Copia della presente informativa è a disposizione di chiunque la volesse, presso la sede del Presidente dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano

Milano, 29-11-2014

A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano