Carabinieri

  1. (ANSA) - PIACENZA, 28 FEB - Tredici persone sono state arrestate nei giorni scorsi dai Carabinieri di Piacenza per traffico di droga. Per la maggior parte stranieri nordafricani, 12 sono finiti in carcere e uno agli arresti domiciliari mentre altri quattro uomini sono stati colpiti dal divieto di dimora. Le misure cautelari sono state firmate dal Gip di Piacenza al termine di una lunga indagine, coordinata dalla Procura piacentina e condotta dalla stazione carabinieri di Rivergaro tra marzo e settembre 2019. "L'attività investigativa - spiegano i Carabinieri in una nota - ha consentito di disarticolare due distinti sodalizi criminali composti prevalentemente da stranieri, dediti alla vendita di sostanze stupefacenti nel centro storico di Piacenza, le cui responsabilità sono state documentate attraverso arresti in flagranza e denunce di piccoli spacciatori, nonché il sequestro di alcune centinaia di grammi tra hashish e cocaina". (ANSA).
  2. (ANSA) - CAGLIARI, 28 FEB - Dieci persone denunciate, oltre 500 trappole e lacci per la cattura degli uccelli sequestrate e quasi 700 uccelli tra i quali pettirossi, tortore, tordi, merli e storni recuperati. È il bilancio della campagna di contrasto al bracconaggio nel Sud Sardegna, ed in particolare nella zona del Sulcis e nel Sarrabus. L'intervento ha visto impegnati gli uomini del Nucleo investigativo del Corpo Forestale regionale e delle Stazioni di Sinnai, Castiadas, Muravera, Teulada Santadi, Carbonia e Sant'Antioco, in collaborazione con i Carabinieri Forestali della sezione operativa Antibracconaggio Reati a Danno degli Animali edel Nucleo Cites di Cagliari, i Carabinieri dei reparti territoriali del Comando Provinciale di Cagliari oltre che numerosi volontari della Lipu. Oltre alle denunce e al sequestro di uccelli e trappole, è stato ispezionato il mercato di via Po a Cagliari dove sono sequestrate gabbie-trappole vendute per la cattura di piccoli uccelli. Liberati anche 101 volatili rimasti impigliati nei calappi.(ANSA).
  3. SIENA (ITALPRESS) - Il presente e il futuro del salto in alto azzurro sulla stessa pedana. Domani, al PalaGiannelli, si sfidano al Siena High Jump Indoor Contest 2020Elena Vallortigara (Carabinieri) e Idea Pieroni (Virtus Cr Lucca), entrambe galvanizzate dalle due ottime prestazioni recenti: per la vicentina l'1,96 degli Assoluti indoor di Ancona nel debutto stagionale di domenica scorsa, per la lucchese l'1,90 del primato personale al Match internazionale under di Minsk, nella mattinata di mercoledi'.L'elenco delle iscritte comprende anche un altro prospetto azzurro come la junior da 1,79 Giada De Martino (Toscana Atl. Empoli Nissan). Al maschile, ha preferito rinunciare il campione italiano indoor Marco Fassinotti (Aeronautica), che ha anticipato il rientro nella sua sede di allenamento in Australia. Non manchera' invece il cinese argento mondiale 2015 Zhang Guowei, di stanza a Siena dallo scorso anno, autore della miglior misura (fuori classifica) agli Assoluti di Ancona domenica scorsa (2,26) e gia' capace di 2,27 a Udine in questa stagione. Con lui anche Eugenio Meloni (Carabinieri) e Giacomo Belli. (ITALPRESS).
  4. Perugia, 28 feb. (Adnkronos) - Guidava dopo aver assunto sostanze stupefacenti, fermato nel cuore della notte dai Carabinieri di Torgiano, in provincia di Perugia, e denunciato. Si tratta di un ventunenne della zona che, durante la scorsa notte, è stato controllato alla guida del veicolo insieme ad un altro ragazzo, il loro atteggiamento al momento del fermo ha insospettito i militari, che a seguito di perquisizione li hanno trovati in possesso di alcuni grammi di sostanza stupefacente del tipo Marijuana. Al giovane alla guida, all'esito delle analisi del caso, è stato contestato di essersi messo al volante avendo fatto uso di sostanza stupefacente, poiché risultato positivo. Immediato il ritiro della patente che, data la gravità della violazione, commessa anche in ore notturne, potrà essere sospesa fino ad un massimo di 2 anni, con denuncia alla Procura della Repubblica per guida sotto l'influenza di stupefacenti. Entrambi i giovani sono stati anche segnalati alla Prefettura di Perugia per uso personale di sostanze stupefacenti. (Cro/AdnKronos)
  5. (AGI) - Catania, 28 feb. - Una coppia, lui 36 anni lei 31, girava in auto per vendere droga con la figlia di nove anni sul sedile posteriore della vettura: e' stata arrestata. Utilizzava questa tecnica per tentare di eludere controlli dei carabinieri del comando provinciale di Catania. Il fatto e' avvenuto nel quartiere di Ognina del capoluogo etneo. Militari dell'Arma sono intervenuti durante la consegna di dosi a un cliente, sequestrando 58 bustine di marijuana e una banconota di 50 euro. L'arresto e' stato convalidato dall'autorita' giudiziaria che ha disposto la denuncia in stato di liberta'. (AGI) Ct1/Mrg
  6. (AGI) - Bari, 28 feb. - Quattordici querce sono state abbattute senza autorizzazione nel bosco "Difesa Grande" di Gravina di Puglia. Lo hanno accertato i carabinieri del Corpo Forestale che, hanno rafforzato i controlli all'interno del 'polmone verde' gravinese. La rassicurazione e' giunta in via ufficiale, in risposta alle sollecitazioni inoltrate dal sindaco, Alesio Valente, e dall'assessore al bosco, Felice Lafabiana. "Le allarmate segnalazioni ricevute in questi giorni - spiega l'assessore - ci hanno indotto ad ulteriori verifiche rispetto a quelle quotidianamente svolte. Da quanto appurato dall'ufficio ambiente e dalla Polizia Municipale, risultano essere state abbattute in totale senza autorizzazione quattordici piante". "Insieme al sindaco - conferma Lafabiana - ci siamo attivati sollecitando maggiori controlli, aggiuntivi rispetto a quelli sin qui comunque garantiti dalla Polizia Municipale, che quotidianamente assicura un costante monitoraggio affidato ad una propria pattuglia".(AGI) red/Tib
  7. Torino, 28 feb. - (Adnkronos) - E' indiziato di aver incendiato 4 veicoli parcheggiati in strada, nel quartiere Cascine Vica,  nelle notti del 9 e 22 febbraio scorsi il giovane 20enne di Rivoli fermato dai carabinieri che hanno individuato, ma non identificato, il piromane anche attraverso le registrazioni dei filmati di alcune telecamere private. Una pattuglia ha riconosciuto il giovane che si aggirava di giorno a piedi per le vie di Rivoli e che presentava, sia nei tratti somatici sia nell'abbigliamento, forti somiglianze con la persona da ricercare. Durante le operazioni di identificazione i carabinieri hanno accertato che il giovane rintracciato indossava le stesse scarpe riprese dai filmati esaminati, con anche  tracce di fuliggine e bruciature compatibili con gli episodi incendiari su cui stavano indagando. A casa i militari hanno trovato e sequestrato gli indumenti che il 20enne ha indossato in occasione di altri episodi per i quali è indiziato. Alla fine degli accertamenti i militari hanno sottoposto a fermo il giovane, contestandogli gli incendi che venivano commessi con un modus operandi piuttosto ricorrente. Il piromane, infatti, con un accendino utilizzava il contenuto dei  cassonetti della spazzatura come inneschi per bruciare le macchine parcheggiate nelle vicinanze. (segue) (Rre-Abr/Adnkronos)
  8. (ANSA) - VENEZIA, 28 FEB - Fingono di voler acquistare in contanti un'automobile usata da un'anziana coppia di coniugi, ma dopo un piccolo anticipo cercando di fuggire, venendo però fermati dai carabinieri. La vicenda è avvenuta a Romano D'Ezzelino (Vicenza) e si è conclusa con l'arresto di una giovane, M.Z., 18 anni, e la denuncia del fratello minorenne, cittadino spagnolo. I due coniugi avevano messo in vendita la vettura sul sito internet "Subito.it" valutandola 14 mila euro. Sono stati quindi contattati dall'acquirente che ha fissato appuntamento presso un'agenzia pratiche auto di Rossano Veneto per regolarizzare le pratiche. All'incontro si sono presentate tre persone, i due giovani e un adulto che ha chiesto di provare l'auto; nel frattempo la ragazza ha consegnato 1.000 euro sostenendo di voler pagare il resto sempre in contanti il giorno dopo. Alle rimostranze dei coniugi, i due ragazzi sono saliti nella propria auto fuggendo, ma nel frattempo sono stati fermati dai carabinieri nella loro abitazione, dove è stata recuperata l'automobile. La ragazza e il fratello minorenne sono stati portati in caserma dove quest'ultimo è stato denunciato mentre la sorella posta agli arresti domiciliari. (ANSA).
  9. (ANSA) - CASERTA, 28 FEB - Tre nigeriani ed un immigrato del Niger sono stati arrestati dai Carabinieri, che hanno smantellato una organizzazione legata alla mafia nigeriana con base a Castel Volturno (Caserta) e sequestrato circa sei chili di eroina e cocaina. L' inchiesta, coordinata dalla DDA di Napoli, ha accertato che la droga veniva importata da "corrieri ovulatori" che accettavano di ingerire ovuli contenenti droga di un peso che varia da 500 grammi ad un 1 kg e mezzo in cambio di compensi tra i 3 mila ed i 6 mila euro. I Carabinieri della Compagnia di S. Maria Capua Vetere e della stazione di Grazzanise (Caserta) tramite i piani di volo e le liste di passeggeri hanno ricostruito la sistematicità con cui l'organizzazione - radicata in Italia ed in altri Paesi europei - inviava i corrieri in Italia. La droga proveniva da Nigeria, Kenya, Madagascar, Ruanda, Brasile, Turchia, Spagna, ed era destinata alle piazze di spaccio di Sant'Antimo (Napoli), Padova, Latina e Cisterna di Latina. I pagamenti delle partite di cocaina ed eroina avvenivano tramite circuiti internazionali di trasferimento di denaro. oppure attraverso accrediti su carte Postepay. Capi e componenti dell' organizzazione per eludere le indagini ricorrevano a schede telefoniche intestate a soggetti inesistenti oppure estranei all' organizzazione, usavano indirizzi di posta elettronica con provider esteri, e telefonavano da Call Center ed Internet Point. In totale sono 13 i corrieri della droga arrestati nel corso delle indagini e 368 gli ovuli contenenti droga sequestrati. (ANSA).
  10. (ANSA) - CASERTA, 28 FEB - Tre cittadini del Gambia di 20, 23 e 28 anni, sono stati arrestati per spaccio di stupefacenti dai carabinieri a San Nicola la Strada (Caserta), nei giardini della rotonda ubicata in viale Carlo III, lunga e trafficata arteria che attraversa numerosi comuni del Casertano che si conclude nel capoluogo, a due passi dalla Reggia borbonica. Dal primo gennaio è il quattordicesimo arresto per spaccio effettuato dai carabinieri della Compagnia di Marcianise alla rotonda di San Nicola, luogo in cui da anni è presente un'attività di spaccio gestita soprattutto da immigrati africani; anche la Polizia di Stato ha effettuato nella piazza di spaccio numerosi arresti, arrivando anche a fermare lo stesso pusher quattro volte. I tre gambiani sono stati notati mentre prendevano un involucro in un cestino dei rifiuti, per consegnarlo ad un acquirente. Sono stati subito fermati; al termine dei controlli, i carabinieri hanno sequestrato vari grammi di hashish e marijuana e quasi 700 euro in contanti. (ANSA).
  11. Catania, 28 feb. (Adnkronos) - - I carabinieri hanno arrestato un 35enne, A.V., per avere minacciato il dipendente di un Caf, che gli aveva seguito la pratica per il Reddito di cittadinanza poi concesso, per farsi dare soldi che gli servivano ad aiutare un amico da poco scarcerato in difficolta'economiche. L'accusa e' di estorsione continuata. Due mesi dopo l'uomo si e' ripresentato e ha accusato la vittima di avergli fatto sospendere l'erogazione del Reddito di cittadinanza. Mentre il dipendente del Caf controllava al computer lo stato della pratica, lo ha colpito violentemente con un pugno al volto, facendolo cadere a terra. Nei giorni successivi una nuova richiesta di pizzo, tramite whatsapp. La vittima ha avvisato i carabinieri e dopo che l'uomo ha ritirato 500 euro di tangente e' stato arrestato. Il gip ha convalidato l'arresto. (Ftb/Adnkronos)
  12. Bari, 28 feb. (Adnkronos) - Tre uomini di Bari, di 24, 29 e 49 anni, sono stati arrestati dai carabinieri della compagnia di Bari centro dopo un furto appena messo a segno in casa di un'anziana. Nella tarda mattinata di ieri i tre hanno atteso che la donna uscisse e sono entrati nell'appartamento, utilizzando delle chiavi alterate. Quindi hanno portato via 450 euro e diversi oggetti in oro. Poco dopo essere usciti dall'abitazione sono stati arrestati dai carabinieri in flagranza di reato, per furto aggravato in concorso. Avevano quattro chiavi di porte blindate, di cui una utilizzata per entrare in casa. La refurtiva è stata poi restituita all'anziana proprietaria, una donna di 79 anni, sorpresa dell'accaduto e nel contempo sollevata per la rapida conclusione della vicenda. Dopo le formalità di rito, i tre sono stati condotti in carcere. (Nfr/Adnkronos)
  13. Napoli, 28 feb.(Adnkronos) - I Carabinieri di Napoli Vomero Arenella hanno arrestato un 19enne del quartiere Avvocata già noto alle forze dell'ordine. Il Gip del Tribunale di Napoli, su proposta della Procura partenopea ed in accordo con i risultati investigativi dell'Arma, ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giovane è gravemente indiziato per il reato di rapina, commesso il 21 settembre scorso, vicino alla Stazione della metro ''Salvator Rosa''. Insieme ad un complice, ancora da identificare, il 19enne ha rubato ad un coetaneo lo smartphone e 10 euro. Il ragazzo è stato arrestato e portato al carcere di Poggioreale. (Stg/AdnKronos)
  14. Viterbo, 28 feb.(Adnkronos) - I Carabinieri della Forestale di Bolsena ed i Carabinieri della Forestale di Montefiascone, nei giorni scorsi hanno segnalato alla Procura di Viterbo tre persone, due titolari e un'autista di una ditta edile di Bolsena, per aver abbandonato ripetutamente rifiuti in una proprietà privata che provengono da una demolizione edilizia. Con queste modalità illecite, la ditta, gestiva rifiuti da demolizione prodotti nel corso dell'attività, invece di mandarli ad un centro di recupero per poterli riutilizzare senza causare nessun danno all'ambiente e riducendo così il ricorso a materie prime. Erano già stati abbandonati rifiuti nel passato, da parte di ignoti, in una proprietà privata, e quindi l'area è stata sorvegliata dai Carabinieri della Forestale di Bolsena. I tre potrebbero subire una condanna fino ad un anno di carcere oppure ricevere una sanzione di 20.000 euro. (Stg/AdnKronos)
  15. (AGI) - Bari, 28 feb. - Tre uomini, di 24, 29 e 49 anni, sono stati arrestati a Bari dai carabinieri con l'accusa di furto aggravato in concorso. I militari li hanno fermati per un controllo e trovati in possesso della refurtiva che avevano appena rubato dall'abitazione di una 79enne. Oltre alla refurtiva, contanti e vari monili in oro, i malfattori disponevano anche di 4 chiavi di porte blindate, di cui una utilizzata per accedere nell'appartamento dell'anziana. I tre arrestati, tutti baresi, sono stati rinchiusi in carcere.(AGI) red/Tib
  16. Palermo, 28 feb.(Adnkronos) - - Pizzo a tappeto. Tutti erano nel mirino dei clan di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese, azzerati oggi dall'operazione 'Dinastia' dei carabinieri del Comando provinciale di Messina e del Ros che ha portato all'arresto di 59 persone. Tutti devono rispondere, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, violenza e minaccia, con l'aggravante del metodo mafioso. Le indagini, coordinate dalla Dda, hanno permesso di ricostruire le numerose estorsioni ai danni di negozianti e imprese di Barcellona Pozzo di Gotto, con le vittime vessate per anni dagli esattori di Cosa nostra. (Loc/Adnkronos)
  17. Firenze, 28 feb. (Adnkronos) - Mercoledì sera, i Carabinieri della Stazione di Firenze Uffizi, nel corso di servizi straordinari finalizzati al contrasto dei reati predatori nel centro storico, hanno arrestato, per le ipotesi di reato di furto aggravato: T.T., 54enne, georgiano, senza fissa dimora, pregiudicato, sorpreso a rubare una confezione di profumo di pregio del valore di 105 euro, in un noto esercizio commerciale in via dei Calzaiuoli, nascosto in una busta foderata con carta stagnola, utilizzata per eludere il sistema antitaccheggio presente nel negozio. La merce è stata restituita all'avente diritto e l'arrestato, dopo le formalità di rito, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo. (Cro/AdnKronos)
  18. Napoli, 28 feb. (Adnkronos) - A Napoli, nel quartiere Pendino, i Carabinieri del nucleo operativo della Compagnia Stella hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio A.D., 52enne napoletana già nota alle forze dell'ordine. I militari - in questi giorni - hanno notato dei movimenti sospetti nei pressi dell'abitazione della donna e hanno deciso di perquisire la sua abitazione. Considerevole il ''bottino'' che i carabinieri hanno trovato: 165 dosi di marijuana - già pronte per essere vendute - e 7 buste di cellophane della stessa sostanza per un peso complessivo di 850 grammi. La droga era nascosta nella stanza da letto tra l'infisso della finestra e la persiana. I carabinieri hanno anche trovato e sequestrato 2 bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento della sostanza stupefacente. La 52enne è stata collocata agli arresti domiciliari in attesa di giudizio. (Cro/AdnKronos)
  19. Roma, 28 feb. (Adnkronos) - Nel corso dei quotidiani controlli ai passeggeri in transito presso l'aeroporto ''G.B. Pastine'', i Carabinieri dell'Aliquota Servizi Sicurezza di Ciampino hanno arrestato una cittadina romena di 29 anni. La donna è risultata colpita da un ordine di custodia cautelare in carcere poiché si era stata allontanata dal Comune di Pavia nel 2013, non ottemperando agli obblighi imposti dalla misura di prevenzione alla quale era stata sottoposta. Al termine degli accertamenti è stata portata in carcere a Rebibbia Femminile. Tale attività di contrasto è stata conseguita nell'ambito dei servizi attuati dai Carabinieri della Compagnia Aeroporti che durante la scorsa settimana hanno effettuato oltre 300 controlli. (Cro/AdnKronos)
  20. Roma, 28 feb. (Adnkronos) - Nel corso del pomeriggio di mercoledì a Ferrara, i militari del locale Comando Stazione Carabinieri a conclusione di mirato un servizio di controllo del territorio eseguito in area GAD, hanno tratto in arresto: O.L., nato in Nigeria, 29 anni, in Italia senza fissa dimora, pregiudicato; perché responsabile del reato di ''detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti''. Lo straniero nel corso di un controllo effettuato in via della Costituzione riusciva ad ingerire 3 ovuli contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di quasi 1,8 grammi, espulsi nella stessa giornata all'esito degli accertamenti medico sanitari esperiti presso il locale Ospedale. Lo stupefacente è stato sottoposto a sequestro. L'arrestato, al termine delle procedure di rito, veniva trattenuto presso una camera di sicurezza in attesa della celebrazione del processo con il giudizio direttissimo. (Cro/AdnKronos)

Official Sponsor

I nostri Collaboratori

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Accetto
  1. Note legali
    Il MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano è l’Associazione Sportiva Dilettantistica che gestisce e aggiorna, senza garanzia di continuità e periodicità, i contenuti del sito MOTOFALCHIMILANO.IT che è di proprietà dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, con sede legale in Via Vitruvio, 9 – 20141 - MILANO – Codice Fiscale 97512220159 - Rappresentante legale: Alberto Giacomo Paolo Navone (Presidente).
  2. Copyright
    I contenuti pubblicati sul sito di proprietà dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, dove non diversamente ed esplicitamente indicato, sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge n. 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni e non possono essere replicati su altri siti web, mailing list, newsletter, riviste cartacee e cd rom o altri supporti non indicati, senza la preventiva autorizzazione dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, qualsiasi sia la finalità di utilizzo.
    L'autorizzazione va chiesta per iscritto e s’intende accettata soltanto dopo un esplicito assenso scritto del legale rappresentante. L'eventuale mancanza di risposta non va in nessun caso interpretata come tacita autorizzazione. La riproduzione, il noleggio, il prestito e la diffusione senza l'autorizzazione dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano è vietata. Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dagli art. 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della legge n. 633/1941.
  3. Esclusione totale dal divieto di riproduzione dei contenuti
    La riproduzione, su qualsiasi supporto, dei materiali pubblicati su MOTOFALCHIMILANO.IT è autorizzata per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali.
    I docenti e gli istruttori di corsi di guida sicura organizzati nelle strutture attrezzate (autodromi, motodromi, piazzali ecc.) pubbliche e/o private, sono autorizzati a riprodurre e distribuire gratuitamente il materiale presente su MOTOFALCHIMILANO.IT. La distribuzione deve essere gratuita e riportare chiaramente in ogni documento la chiara e ben visibile indicazione: "Materiale concesso da MOTOFALCHIMILANO.IT ".
  4. Responsabilità dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano non è responsabile per danni causati, direttamente o indirettamente, dall'utilizzo degli script, dei file scaricati e di ogni altra informazioni presente sul proprio sito Internet. In nessun caso dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano e le associazioni o società ad essa affiliate possono essere tenute responsabili in via contrattuale o extracontrattuale, per danni (compresi danni indiretti o non quantificati) derivanti da impossibilità di utilizzo, perdita di dati o profitti in qualsiasi modo derivanti o connessi all'utilizzo del presente sito.
    Le modifiche dei dati pubblicati nel sito possono avvenire in ritardo rispetto alle modifiche effettivamente apportate ai contenuti o ai dati che si riferiscono agli stessi.
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano può in qualsiasi momento apportare modifiche alle presenti condizioni e termini di accesso, così come a tutte le altre parti del sito, senza necessità di preavviso.
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano non è responsabile del contenuto di siti collegati al proprio sito internet né di eventuali problemi derivanti dal collegamento indiretto mediante link.
    Tutti i marchi citati e i loghi riprodotti sul sito MOTOFALCHIMILANO.IT appartengono ai legittimi proprietari. Detti marchi sono citati a scopo informativo e/o didattico.
  5. Privacy Policy
    La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le regole di gestione del sito MOTOFALCHIMILANO.IT di proprietà dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.
    MOTOFALCHIMILANO.IT tratta tutti i dati personali degli utenti/visitatori dei servizi offerti, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla normativa nazionale italiana in materia di privacy e, in particolare del D. Lgs. 196/2003.
    Ove l'accesso a particolari servizi sia subordinato alla registrazione previa comunicazione di dati personali, viene fornita un'informativa specifica al momento della sottoscrizione dei servizi stessi.
    L'acquisizione dei dati, che possono essere richiesti, è il presupposto indispensabile per accedere ai servizi offerti sul sito MOTOFALCHIMILANO.IT
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, conserva i dati tecnici relativi alle connessioni (log) per consentire i controlli di sicurezza richiesti dalla Legge e al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e personalizzarli in relazione alle esigenze degli utenti/visitatori.
    I dati inseriti possono essere utilizzati dall’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano anche al fine di inviare periodicamente messaggi di posta elettronica contenenti materiale promozionale, iniziative promozionali, comunicazioni commerciali.
    I dati personali, raccolti e conservati in banche dati del sito MOTOFALCHIMILANO.IT, sono trattati da dipendenti e/o collaboratori del titolare del trattamento in qualità di incaricati. Non sono oggetto di diffusione o comunicazione a terzi, se non nei casi previsti dalla informativa e/o dalla Legge e, comunque, con le modalità da questa consentite.
    I dati riguardanti i partecipanti ai corsi di guida sicura, sono conservati dall’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano. Le fotografie e quant’altro inerente all’avvenimento, permangono sul sito Internet per un tempo indeterminato, oltre a essere comunicati a organi di stampa, enti, associazioni interessate.
    Il trattamento dei dati avviene mediante l’utilizzo sia di supporti cartacei sia con l’ausilio di mezzi informatici.
    L'invio da parte degli utenti/visitatori di propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, comporta l'acquisizione da parte di MOTOFALCHIMILANO.IT dell'indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali, tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio, e verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui sia necessario per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori stessi.
    Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.
    Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
    L’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, non può farsi carico della responsabilità di qualsiasi accesso non autorizzato né dello smarrimento delle informazioni personali al di fuori del proprio controllo.
    Il titolare del trattamento dei dati dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano è con sede legale in Via Vitruvio, 9 – 20141 - MILANO - Rappresentante legale: Alberto Giacomo Paolo Navone  (Presidente), che potrà utilizzarli per tutte le finalità individuate nell'informativa specifica fornita in occasione della sottoscrizione dei vari servizi.
    Gli utenti/visitatori hanno facoltà di esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D. Lgs. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti.
  6. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti
    1) L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
    2) L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
    a) dell'origine dei dati personali;
    b) delle finalità e modalità del trattamento;
    c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
    d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
    e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
    3) L'interessato ha diritto di ottenere:
    a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
    b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
    4) L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
    a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
    b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale
  7. Gestione dei cookie nel browser
    Alcune persone preferiscono non abilitare i cookie e per questo motivo quasi tutti i browser offrono la possibilità di gestirli in modo da rispettare le preferenze degli utenti. In alcuni browser è possibile impostare regole per gestire i cookie sito per sito, opzione che offre un controllo più preciso sulla propria privacy. Ciò significa che è possibile disabilitare i cookie di tutti i siti, ad eccezione di quelli di cui ci si fida.
    Nel menu di tutti browser esiste l'opzione Cancella dati di navigazione. E' possibile utilizzare questa opzione per eliminare i cookie e altri dati di siti e plug-in, inclusi i dati memorizzati sul proprio dispositivo da Adobe Flash Player (comunemente noti come cookie Flash).
    Un'altra funzione di alcuni browser è la modalità di navigazione in incognito. E' possibile navigare in modalità in incognito quando non si vuole che le proprie visite ai siti web o i propri download vengano registrati nelle cronologie di navigazione e dei download. Tutti i cookie creati in modalità di navigazione in incognito vengono eliminati dopo la chiusura di tutte le finestre di navigazione in incognito.

Per l’esercizio dei propri diritti è possibile rivolgersi al sig. Alberto Giacomo Paolo Navone  (Presidente dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano), reperibile come segue:
- indirizzo di posta elettronica: presidente@motofalchimilano.it
- indirizzo postale del titolare del trattamento: A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano, con sede legale in Via Vitruvio, 9 – 20141 – MILANO

Copia della presente informativa è a disposizione di chiunque la volesse, presso la sede del Presidente dell’A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano

Milano, 29-11-2014

A.S.D. MOTO CLUB MOTOFALCHI – Polizia Locale Milano